deverdizzare...che assurdità

deverdizzare...che assurdità

 

se sul banco di vendita vedi un'arancia con un buccia perfetta, dal colore arancione vivo ed un'altra giallognola verdognola, quale scegli?

Non so se sai che anche per gli alimenti esistono dei processi 'estetici' che 'aiutano' i consumatori distratti a scegliere meglio. Uno di questi è la deverdizzazione degli agrumi, in particolar modo arance e limoni. Questo processo di 'lavaggio' industriale, che viene eseguito con etilene, consente di trasformare il colore di una buccia d'arancia da verde-gialla ad arancione. Un colore impeccabile che posto sul banco di vendita attrarrà 9 consumatori su 10. Allo splendido cromatismo, tuttavia, spesso non corrisponde un altrettanto ottimale sapore (non entriamo nel merito della naturalutà del prodotto, ma qui ci fermiamo solo a sapore ed immagine). Le nostre arance, spesso non hanno un colore perfetto, anzi, in periodo autunnale è piuttosto difficile che ciò accada, ma il loro grado di maturazione non si misura dalla buccia e dal suo colore, bensì attraverso 'saggi' 'in campo' che consentono di raccogliere i prodotti pronti per la tavola e con un grado di maturazione corretto. Ogni agrume ha i suoi tempi e questi vanno rispettati. Ogni agrume ha le sue caratteristiche organolettiche e queste vanno esaltate. Deverdizzare, vuol dire annullare questi valori e, senza mezze parole, ingannare il consumatore, ignaro ma incapace di resistere al piacere estetico degli occhi.

"in Sicilia, le arance sono dolci che crescono sugli alberi" (Pino Caruso)